Meda: quando il sindaco Caimi parla a sproposito

La stampa locale ha ripreso la vicenda del sopralluogo di Sinistra e Ambiente in Val de Mez, in zona confine tra Meda e Cabiate. 
Un sopralluogo per verificare e rendere noto lo stato delle palificate, delle briglie e del terrapieno d'argine ivi realizzati nell'ambito del progetto di contenimento della frana e della regimazione idraulica del torrente che lì scorre. 
Avevamo riscontrato e reso pubblico che le opere erano già state pesantemente danneggiate già alla prima piena di inizio marzo, mostrando l'inedeguatezza di quanto prima progettato e poi realizzato, con un costo di 54.000 euro.
Ne è seguita una arrogante, rabbiosa e piena di livore reazione da parte del sindaco Caimi che, a mezzo stampa, ci ha accusati di "fare opera di disinformazione e sciacallaggio", infarcendo il suo intervento con banalità assolute -"di piene possono essercene ancora"- e cercando di delegittimarci etichettando il nostro gruppo come "privo di conoscenze tecniche" e portato all'allarmismo.
Insomma, Caimi ha distribuito vere e proprie "perle di saggezza" in una replica basata sul nulla, evitando però accuratamente d'entrare nel merito di quanto da noi segnalato con un  rapporto elaborato con il necessario grado di conoscenza tecnica visto che ci siamo avvalsi del supporto del geologo Gianni Del Pero con cui collaboriamo da tempo sugli argomenti ambientali e di tutela del territorio.

Ora, dopo un sopralluogo dell'amministrazione, viene confermato quanto denunciato da Sinistra e Ambiente e, dunque, il sindaco Caimi ha parlato ............ a sproposito.

Sinistra e Ambiente Meda

Tutto su:
http://sinistra-e-ambiente-meda.blogspot.it/2016/04/quando-il-sindaco-caimi-parla-sproposito.html

 

facebooktwitterScribd

Abbonamento a Scambia informazioni

Semi Kattivi

Costruiamo il network

Hai un blog personale,
gestisci un sito di informazione territoriale?
Contatta la redazione e costruisci con noi
un Network indipendente di informazioni.

Leggi tutto »

Pubblica anche tu su infonodo.org!

Pubblica su Infonodo il tuo articolo.

Scopri come partecipare »