Seregno - Quel gioco d'azzardo che affligge le famiglie ma piace a mafie e usurai

03/07/2016

Riceviamo e pubblichiamo la lettera sul gioco d'azzardo e il problema della ludopatia a Seregno di Luca Lissoni.
In fondo una breve risposta della redazione di infonodo.org

Gentile redazione, c’è una minaccia per la nostra città di cui siamo solo parzialmente consci, che si diffonde a macchia d’olio. Una minaccia educativa, economica, sociale nonché una minaccia alla legalità, che dobbiamo contrastare.
Mi riferisco al gioco d’azzardo, che avanza inesorabilmente a Seregno, anche in contrasto con la normativa regionale vigente. Infatti, la legge regionale prevedrebbe l’impossibilità di aprire nuove sale per il gioco d’azzardo in un raggio a discrezione della giunta comunale, fino ad un massimo di 500 m, da scuole, ospedali, strutture operanti in ambito sociosanitario, luoghi di culto, impianti sportivi e centri di aggregazione giovanile, nonché di trasferire all’interno di tale raggio attività commerciali preesistenti in cui è permesso praticare il gioco d’azzardo.

Ugualmente, non è permesso installare nuove slot machine o autorizzare la pratica del gioco in esercizi preesistenti che si trovino all’interno di tale raggio. Tuttavia, sembrerebbe che questa normativa non sia stata affatto recepita nella città di Seregno. Anzi, gli esercizi in cui è permesso giocare d’azzardo continuano ad aumentare: sono più di trenta. Se è vero che è noto il numero di giocatori e l’ammontare di tali puntate non è noto, è chiaro che un numero così alto di sale slot, centri scommesse, o bar con slot machine è sintomatico di un problema sociale che non si può non affrontare.

Una presenza così massiccia di locali dediti al gioco d’azzardo è una problematica molteplice. In primo luogo, è una questione educativa. I centri scommesse vicino ad asili, scuole elementari, scuole medie, biblioteche, fanno sì che i ragazzi crescano abituati alla presenza del gioco d’azzardo nelle loro vite. Così come coloro che sono più spesso a contatto con i fumatori tendono a diventare fumatori, coloro che sono abituati a vedere persone che giocano, cosa abbastanza facile a Seregno, considerata l’esorbitante presenza di bar con slot e centri scommesse, tenderanno a loro volta a giocare più spesso. Riguardo a ciò, non è possibile negare che anche coloro che non sono affetti dalla malattia del gioco hanno iniziato a giocare prima del compimento della maggiore età: la sorveglianza degli esercenti può anche essere buona, ma, a meno che venga sempre controllato il documento di identità (cosa che tra l’altro non avviene in tutti i casi), è fisiologico che un minorenne riesca a giocare del denaro in un contesto dove il gioco d’azzardo è di casa. Inutile dire che la questione, oltre che educativa, è anche economica. In una città dove ci sono molte slot machine la popolazione tende ad impoverirsi.

La questione più grande rimane quella sociosanitaria. Il gioco patologico è una malattia, e non è possibile contrastarla se non si limita la presenza delle slot machine. L’impatto di questa malattia non si ripercuote però solo nel malato, ma anche in coloro che gli stanno vicini: il coniuge, i figli, gli amici. Il malato, se non aiutato, può non solo arrivare a giocarsi tutto, ma anche a contrarre dei debiti di gioco, che difficilmente sarà in grado di ripagare. Inizialmente li contrae da amici e parenti, poi quando questi si fanno restii a prestargli del denaro, non di rado accade che il malato finisca per disperazione a rivolgersi agli usurai: chi altro presterebbe del denaro a qualcuno che non ha più garanzie da offrire? Rivolgersi agli strozzini, oltre che ad un rischio economico, mette anche seriamente in pericolo la vita di queste persone, dei loro cari, dei loro figli.
Poniamo adesso due brevi domande.
Chi generalmente fornisce il denaro agli usurai?
Chi potrebbe avvantaggiarsi di una massiva presenza di sale da gioco per riciclare del denaro, essendo pressoché impossibile tracciare l’origine delle puntate?

Esattamente: la mafia. Ad esempio: un bar con slot si trova in difficoltà e rischia di chiudere. Si presenta un affiliato alla criminalità organizzata e gli dice che i soldi per andare avanti ce li mette lui, purché l’esercente sia disposto a riciclare il denaro sporco tramite l’emissione di vincite. La mafia ci mette dentro centomila euro, ne ha indietro settantacinquemila, venticinque vanno all’esercente, che ci paga sopra le tasse. Chi se ne accorge? Nessuno.

Una città in cui il gioco d’azzardo è di casa è un territorio favorevole alla criminalità organizzata. Per questo, per i problemi economici, per gli enormi costi sociali che comporta, tali da rovinare alcune persone e le loro famiglie, ed infine, perché il gioco è una malattia che rischia di intaccare anche i più giovani, è necessario intervenire subito per porre un freno a questa minaccia.

Infine, lancio una sfida ai cittadini seregnesi.
Materiale necessario: cartina di Seregno, compasso, pastello rosso.
Ritenendo che la distanza di 500m fosse eccessiva, ho preferito sceglierne una più ragionevole. Facciamo 300.
Fate una crocetta con il pastello in ogni punto della cartina in cui è presente un centro scommesse, un bar in cui è possibile giocare ad una macchinetta mangiasoldi, una ricevitoria od una sala slot. Ora puntate il compasso con raggio 300m (chiaramente riportati alla scala in cui è la cartina che avete davanti) in ciascuna scuola di ogni ordine e grado, in ciascun luogo di culto, ospedale o istituto sociosanitario. Quanti ne restano fuori, sul totale?

Luca Lissoni

Una proposta interessante a cui nel nostro piccolo vorremmo dare il nostro contribuito.
I luoghi dove sono installate slot machine a Seregno sono come si scrive più di 30, per la precisione 42.
Abbiamo provato a metterli su una mappa.
Speriamo  che sia di aiuto alla riflessione e a chi vuole seguire la proposta di costruire una mappa con le distanze dalle scuole dei locali dove si gioca.

la redazione di infonodo.org

 

 

Commenti

questa mappa è sbagliata.....mancano all'appello tantissime slot......esempio : viaUmberto non è stata menzionata

I dati sono presi dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, nell'elenco relativo a Seregno non esiste un locale con slot machine in via Umberto https://www.agenziadoganemonopoli.gov.it/portale/monopoli/giochi/apparec...

Lei a quale si riferisce?

facebooktwitterScribd

Abbonamento a Scambia informazioni

Semi Kattivi

Costruiamo il network

Hai un blog personale,
gestisci un sito di informazione territoriale?
Contatta la redazione e costruisci con noi
un Network indipendente di informazioni.

Leggi tutto »

Pubblica anche tu su infonodo.org!

Pubblica su Infonodo il tuo articolo.

Scopri come partecipare »