Limbiate - Niente soldi all'Anpi. L'associazione attacca il sindaco De Luca

di Gabriele Bassani da il Giorno del 03/11

IL COMUNE IN DEBITO con l’Anpi, rischiano di saltare i «viaggi della memoria» con gli studenti e gli eventi commemorativi in città. E’ un appello con punta polemica quello rivolto nei giorni scorsi dal presidente dell’Anpi di Limbiate, Rosario Traina a nome del direttivo dell’associazione, all’Amministrazione comunale, sostenuta da una maggioranza di centrosinistra, con a capo il sindaco Raffaele De Luca. Motivo del «disappunto» formalizzato e manifestato pubblicamente dall’Anpi è il mancato trasferimento dal Comune all’Anpi delle somme solitamente riservate all’organizzazione degli eventi, persino quelli già effettuati negli anni 2012 e 2013. «Oggi — scrive il direttivo dell’Anpi — siamo, perdurando questa situazione, nella condizione non solo di non poter organizzare alcunché per il prossimo anno, ma persino nell’ingiustificabile ritardo nell’onorare impegni finanziari per le iniziative già svolte». «Rischiano di perdersi — aggiunge il presidente Traina, che è anche consigliere comunale di maggioranza — idee e progetti sulla Memoria storica di decennale tradizione; nati con l’Amministrazione Fortunati (centrosinistra) e diventati “orgoglio della città e delle scuole” con Romeo (centrodestra) sono diventati esempio di come su valori condivisi qualcosa di buono si riesce a costruire anche a Limbiate. Di chi è la responsabilità? Della politica? Della burocrazia comunale? Mi dispiacerebbe, e l’interessato per primo mi creda, che De Luca passi alla storia come l’artefice di tutto ciò».
A cercare di spegnere sul nascere la polemica ci ha provato lo stesso sindaco De Luca, puntualizzando che «il protrarsi delle operazioni di liquidazione del contributo, pur disdicevole, è dovuto esclusivamente ad una allocazione imprecisa della risorsa nei capitoli di bilancio, cosa che abbiamo sanato nell’ultima seduta di giunta». Insomma il sindaco respinge l’accusa, neanche tanto velata da parte dell’Anpi, di voler quasi «boicottare» l’attività. «Il finanziamento delle iniziative per la Memoria — ha annunciato De Luca — d’ora in poi sarà inserito direttamente tra i progetti didattici all’interno del Piano per il diritto allo studio».
Questo dovrebbe rendere più semplice il trasferimento dei finanziamenti. «E’ risaputo perchè dichiarato pubblicamente più volte -ha voluto sottolineare il sindaco- che esiste un mio personale impegno affinchè le iniziative per la memoria continuino nel tempo».

facebooktwitterScribd

Abbonamento a Scambia informazioni

Semi Kattivi

Costruiamo il network

Hai un blog personale,
gestisci un sito di informazione territoriale?
Contatta la redazione e costruisci con noi
un Network indipendente di informazioni.

Leggi tutto »

Pubblica anche tu su infonodo.org!

Pubblica su Infonodo il tuo articolo.

Scopri come partecipare »