Varedo - Bilanci e Villa Bagatti, la parola alla Corte dei Conti

di Veronica Todaro da il Giorno

LE RISPOSTE che l’Amministrazione comunale di Varedo attende dalla Corte dei Conti sono due: la prima riguarda l’eventuale correzione dei bilanci 2012 e 2013, mentre la seconda è relativa alla possibile nullità degli atti relativi all’acquisizione di Villa Bagatti Valsecchi. Il Comune ha seguito alla lettera quanto richiesto lo scorso dicembre dalla Sezione regionale di controllo per la Lombardia della Corte dei Conti. Nei giorni scorsi infatti è stato riaperto il bilancio consuntivo 2011 in cui è stato inserito il debito di 6 milioni di euro per l’acquisto della dimora storica. La richiesta della Corte era infatti quella di «correggere il prospetto dimostrativo del raggiungimento dei vincoli del Patto di stabilità per il 2011, correggere il tasso di indebitamento e adottare entro 60 giorni i provvedimenti idonei a rimuovere le irregolarità e a preservare gli equilibri di bilancio». Secondo la Corte la creazione della Fondazione La Versiera ha dissimulato la spesa che il Comune ha dovuto sostenere per l’acquisto della Villa. Ora il Comune ha riclassificato le voci di bilancio per rimettere a posto quei 6 milioni di euro. Ma dove trovare la copertura su un bilancio attuale che è di circa 13 milioni e mezzo? E che dire dei bilanci degli anni successivi al 2011? Andranno rivisti anche quelli del 2012 e del 2013? E c’è di più: la nullità degli atti. La Sezione regionale di controllo per la Lombardia potrebbe infatti invalidare una serie di atti, partendo dall’acquisto fino al finanziamento. Il che significa che se gli atti fossero nulli, la Villa potrebbe tornare ai proprietari privati che dovrebbero restituire alla banca 6 milioni di euro, incassati attraverso 60 assegni circolare da 100mila euro l’uno. Un possibilità alquanto remota. Intanto la Fondazione, che ha da poco nominato un nuovo consiglio di amministrazione, muove i primi passi dopo aver preso in carico la gestione del patrimonio storico-architettonico della Villa. Nelle intenzioni del presidente Maurizio Riva e dei consiglieri Isabella Maffeis e Alessandro Feroldi, c’è quella di far diventare Villa Bagatti Valsecchi uno dei poli d’arte di Expo 2015, facendo convogliare su Varedo 600 artisti, tra pittori e scultori, attraverso una mostra d’arte della durata di otto mesi. Nei prossimi giorni verrà fatto un sopralluogo per valutare i vari interventi di manutenzione della villa, sia internamente sia esternamente di modo da stendere un piano di recupero per renderla agibile al meglio in vista di Expo ma non solo.

facebooktwitterScribd

Abbonamento a Scambia informazioni

Semi Kattivi

Costruiamo il network

Hai un blog personale,
gestisci un sito di informazione territoriale?
Contatta la redazione e costruisci con noi
un Network indipendente di informazioni.

Leggi tutto »

Pubblica anche tu su infonodo.org!

Pubblica su Infonodo il tuo articolo.

Scopri come partecipare »