Seregno - La solidarietà va oltre la crisi 10mila euro per 3 nuovi progetti

di Gigi Baj da il Giorno

DIECIMILA EURO per sostenere progetti di cooperazione internazionale. Nonostante la crisi e il patto di stabilità, la giunta guidata da Giacinto Mariani è riuscita a confermare il contributo che andrà a finanziare tre interventi che vedono coinvolte associazioni in cui operano diversi seregnesi. Fondi stanziati con il bando di concorso relativo a progetti promossi negli anni 2012 e 2013 che ha visto la partecipazione di tre associazioni del territorio: «Le risorse messe a disposizione — ha spiegato l’assessore alle Politiche sociali e servizi alla famiglia Ilaria Anna Cerqua — sono poche. Anche in questo settore il patto di stabilità impone delle scelte, ma restiamo convinti che la cooperazione internazionale sia l’unica strada per lo sviluppo sostenibile dei Paesi emergenti». I soldi dei seregnesi andranno a finire in India, Bolivia e Togo: «Nella graduatoria dei progetti presentati — dice il sindaco Giacinto Mariani — al prino posto si è classificato quello avanzato dall’associazione «Auxilium India - nel solco di suor Camilla Tagliabue Onlus» (www.auxiliumindia.it). Si tratta di un progetto destinato a realizzare aule scolastiche per il centro professionale di Kalathur. Dovranno essere costruiti quattro laboratori presso la missione Maria Niwas che sorge in un villaggio rurale nel distretto di Udupi nello stato del Karnataka, regione dell’India sud-occidentale». Il progetto ha ottenuto un contributo di 4 mila euro. Secondo in graduatoria l’Asilo nido padre Josè Minghetti dell’associazione Carla Crippa Onlus (www.associazionecarlacrippa.org), che ha ottenuto un finanziamento di 3.800 euro. Si tratta di un progetto di accoglienza e educazione per i bambini poveri del quartiere Terracor nella periferia nord di Santa Cruz, in Bolivia.
Infine 2.000 euro per il Gruppo Solidarietà Africa (www.gsafrica.it) con il progetto Caccia ai batteri, un intervento sanitario di prevenzione, diagnosi e cura delle infezioni all’Hopital St. Jean de Dieu di Afagnan in Togo: «I contributi saranno erogati in due fasi: una, pari al 70 per cento del contributo, al momento dell’inizio lavori ed una quota pari al 30 per cento al momento della chiusura del progetto. Tutti progetti sostenuti dovranno concludersi entro due anni».
Da ormai diversi anni l’amministrazione comunale sostiene progetti di cooperazione internazionale. Lo scorso anno lo stesso sindaco Giacinto Mariani si era recato in Africa assieme a Paolo Viganò, presidente del Gruppo Solidarietà Africa, per rendersi conto di persona dei progetti socio sanitario che erano stati finanziati dall’amministrazione comunale. 

facebooktwitterScribd

Abbonamento a Scambia informazioni

Semi Kattivi

Costruiamo il network

Hai un blog personale,
gestisci un sito di informazione territoriale?
Contatta la redazione e costruisci con noi
un Network indipendente di informazioni.

Leggi tutto »

Pubblica anche tu su infonodo.org!

Pubblica su Infonodo il tuo articolo.

Scopri come partecipare »