Monza - Ok al piano industriale, Agam punta tutto sul gas

di Martino Agostoni da il Giorno

ACSM AGAM spa vuole chiudere i rubinetti dell’acqua e puntare tutto su gas e produzione di calore ed energia. È stato approvato durante l’ultimo consiglio di amministrazione della multiutility monzese e comasca, che ha come azionista principale al 29,1% il Comune di Monza, il nuovo piano industriale del gruppo fino al 2016. La nuova rotta del gruppo nato nel 2008 dalla fusione delle ex municipalizzate di acqua, gas ed energia di Monza e Como punta sulla distribuzione e vendita del gas, un settore in costante crescita che sta garantendo negli ultimi anni chiusure di bilancio sempre in attivo per il gruppo, con anche lo stacco di dividendi per i soci azionisti. Ora per seguire la formazione sul territorio delle nuove utility al 100% pubbliche per la gestione del servizio idrico integrato, il cda di Acsm Agam ha previsto la cessione dei rami di azienda dell’acqua relativi alla città di Monza e all’area di Como ai nuovi soggetti che, per quanto riguarda la zona monzese, è Brianzacque srl. Sul fronte dei risultati economici è previsto che il margine operativo lordo di Acsm Agam, anche senza l’apporto del settore idrico, superi a fine 2016 i 43 milioni di euro, rispetto ai 44,6 milioni del 2013 dove 2,5 milioni erano ricavati dal settore dell’acqua.

facebooktwitterScribd

Abbonamento a Scambia informazioni

Semi Kattivi

Costruiamo il network

Hai un blog personale,
gestisci un sito di informazione territoriale?
Contatta la redazione e costruisci con noi
un Network indipendente di informazioni.

Leggi tutto »

Pubblica anche tu su infonodo.org!

Pubblica su Infonodo il tuo articolo.

Scopri come partecipare »