Expo, due supercommissari sui cantieri delle Vie d’Acqua

di Federica Cavadini e Elisabetta Soglio da il Corriere della sera

E alla fine, il commissariamento. Il prefetto Francesco Paolo Tronca, facendo propria e articolando la richiesta arrivata il 27 ottobre dal presidente dell’Autorità anticorruzione, Raffaele Cantone, ha annunciato ieri i nomi dei due commissari che seguiranno i lavori delle imprese Maltauro e Tagliabue per quanto riguarda l’appalto delle Vie d’Acqua: si tratta del professor Emilio Bartezzaghi, ordinario di gestione aziendale al Politecnico e il professor Giuseppe Airoldi, professore al dipartimento di Management e tecnologia della Bocconi. Lo schema è identico a quello studiato per il commissariamento dell’appalto delle architetture di servizio, altra gara vinta da Maltauro e finita nel mirino dell’indagine dei pm di Milano: le aziende continuano i lavori, ma i rapporti con Expo sono gestiti dai commissari che «sostituiranno i titolari degli organi sociali dotati di omologhi poteri soltanto per ciò che concerne la gestione delle attività di impresa connesse all’esecuzione dell’appalto da cui trae origine la misura».

La gestione straordinaria proseguirà fino al definitivo collaudo, mentre gli eventuali utili derivati dai lavori «verranno accantonati in apposito fondo» fino alla conclusione dell’indagine. I cantieri delle Vie d’Acqua sono stati più volte fermati da comitati contrari al progetto «costoso, inutile e invasivo». La richiesta di Cantone era stata conseguente all’ordinanza con cui, il 13 ottobre scorso, il Tribunale aveva messo agli arresti domiciliari l’ingegner Antonio Acerbo, già subcommissario di Expo, accusato di aver pilotato la gara per le Vie d’Acqua. Il provvedimento aveva riguardato anche Giandomenico Maltauro (cugino di Enrico, arrestato in marzo nell’ambito dell’indagine sulla mini cupola degli appalti) e Andrea Castellotti, ex direttore commerciale dell’impresa Tagliabue, poi chiamato da Acerbo al Padiglione Italia di Expo.

Come aveva spiegato Cantone, questo metodo di commissariamento ha dato buoni risultati nell’appalto delle Architetture di servizio, per il quale il prefetto si era affidato al professor Armando Brandolese e al professor Franco Amigoni. Intanto ieri è stata presentata una gara internazionale per universitari sul tema degli sprechi alimentari, organizzata dalla Bocconi con Expo, ministero per le Politiche agricole e Commissione Ue. Duecento studenti arriveranno a giugno a Milano per una settimana di lezioni e laboratori. Presenteranno al Padiglione Italia le loro proposte per affrontare l’emergenza: 1,3 miliardi di tonnellate di cibo perso ogni anno.

facebooktwitterScribd

Abbonamento a Scambia informazioni

Semi Kattivi

Costruiamo il network

Hai un blog personale,
gestisci un sito di informazione territoriale?
Contatta la redazione e costruisci con noi
un Network indipendente di informazioni.

Leggi tutto »

Pubblica anche tu su infonodo.org!

Pubblica su Infonodo il tuo articolo.

Scopri come partecipare »