Asl Monza e Brianza: Giovani e gioco d’azzardo. L’80% punta sulle slot una volta alla settimana

di Rosella Redaelli da il Corriere della sera del 06/03

MONZA La dipendenza da gioco d’azzardo colpisce uomini, donne, ma anche moltissimi minorenni. Lo dice il recente studio «Non giochiamoci la vita», realizzato dalla Asl di Monza e Brianza con Spazio Giovani e l’ufficio scolastico Provinciale, che ha monitorato le abitudini di 500 ragazzi monzesi e brianzoli tra i 15 e i 18 anni. I risultati dicono che l’80% degli intervistati gioca almeno una volta alla settimana, il 22% abitualmente, il 30% a volte, il 48% una o due volte alla settimana. E il 60% non percepisce il rischio e pensa alle slot come ad uno svago. Le ragazze minorenni arrivano a giocare 20 euro a settimana, i loro coetanei maschi oltre i 30 euro. I giovani vanno a giocare prevalentemente nelle tabaccherie e sono spinti dagli spot in tv e sui giornali. «È una lotta impari e possiamo solo partire dai giovani per fare prevenzione», commenta Anna Martinetti, consigliere comunale a Monza (lista civica Una Monza per tutti) che da tempo si batte contro il gioco d’azzardo.

Il primo appuntamento è l’inaugurazione di una mostra «Azzardo: non chiamiamolo gioco» che apre oggi alle 10,30 nell’atrio dell’Istituto Mosè Bianchi di Monza (fino al 16 marzo) e che sarà esposta anche al palazzetto dello sport e nelle scuole della provincia che ne faranno richiesta. Attraverso il linguaggio della satira la mostra racconta ai giovani in 24 vignette di grande formato i rischi del gioco d’azzardo. All’inaugurazione saranno presenti atleti delle principali realtà sportive cittadine come Vero Volley, Saugella Team, Rugby e Scherma Monza come testimonial di una campagna che vuole passare il messaggio che l’unico vero gioco è sul campo, non certo davanti ad una macchinetta. Seguirà la presentazione del film «Una Nobile Causa» alla presenza di Emilio Briguglio, Rebecca Basso e Diego Biello. A Monza ci sono 670 slot censite, 5.600 sono in Brianza, pari a una ogni 130 abitanti. Il Comune, la scorsa estate, aveva stanziato 2 mila euro per ogni esercizio commerciale pronto a rinunciare alle macchinette: hanno risposto in due.

facebooktwitterScribd

Abbonamento a Scambia informazioni

Semi Kattivi

Costruiamo il network

Hai un blog personale,
gestisci un sito di informazione territoriale?
Contatta la redazione e costruisci con noi
un Network indipendente di informazioni.

Leggi tutto »

Pubblica anche tu su infonodo.org!

Pubblica su Infonodo il tuo articolo.

Scopri come partecipare »