Monza - Qualifiche GP d'Italia, Raikkonen con la Ferrari in prima fila al fianco di Hamilton

di Pier Attilio Trivulzio

Arriva Sergio Marchionne e in qualifica la Ferrari di Kimi Raikkonen artiglia la prima fila a fianco della “freccia d'argento” Mercedes di Lewis Hamilton leader del mondiale che conquista la pole a 250 km/h di media.
L'altra Rossa, con Sebastian Vettel, fa meglio della Mercedes di Nico Rosberg, facendo esultare i tifosi del Cavallino.

La cura Marchionne che l'anno scorso proprio in occasione di Monza tuonò contro la stagione negativa della Ferrari mentre in mondovisione la Rossa di Fernando Alonso esalava l'ultimo respiro fermandosi ammutolita proprio sul rettilineo del traguardo, ha funzionato.

Quest'anno l’amministratore delegato di FCA ha messo a disposizione della casa di Maranello un extra budget di 100milioni di euro chiedendo il riscatto. Le due vittorie di Vettel oltre ai podi e alla qualifica odierna sono il segno che a Maranello hanno lavorato sodo e bene, anche se va detto che le Mercedes al momento hanno ancora un discreto margine di vantaggio.

La doppietta nelle qualifiche a cui la casa di Stoccarda teneva molto a livello d'immagine per accostarla a quella storica del Gran Premio d’Italia del 1955 di Juan Manuel Fangio e Stirling Moss – sul circuito di 10 km con il “catino d'alta velocità” - nel rinnovato Autodromo Nazionale non è riuscita.

Vedremo domani se in partenza, come in Ungheria, Vettel saprà scattare meglio e insediarsi subito davanti a tutti facendo da lepre e forzando Hamilton all'errore.
O se sarà Raikkonen a “bruciare” l'inglese rovinando il sogno tedesco.
Se la doppia manovra riuscisse sarebbe una sorta di riscatto, sessant'anni dopo, a quel Gran premio d'Italia con una sola Ferrari “ufficiale” alla partenza che il Drake decise all'ultimo momento d'affidare ad Eugenio Castellotti che finì terzo sul podio, a fianco di Fangio e Taruffi. Nel corso delle qualifiche ci fu la moria di pneumatici Englebert montati sulle Lancia-Ferrari che sul “catino d'alta velocità” dechappavano.

Una situazione simile a quella verificatasi due settimane fa a Spa-Franchamps con le Pirelli montate da Rosberg e Vettel.

Per completezza d'informazione è giusto dire che i tecnici della casa italiano, dopo attenta analisi della coperture di Rosberg e Vettel, hanno imputato il dechappamento, nel caso di Rosberg, ai detriti raccolti in pista mentre per Vettel la squadra aveva deciso il rischio di una sola sosta contro le due degli altri team. La copertura, purtroppo, ha ceduto quando mancavano meno di due giri alla bandiera a scacchi.

Per tornare al risultato delle qualifiche odierne la terza fila vede affiancate le Williams-Martini di Massa e Bottas, in quarta Perez con la Sahara Force India e la Lotus di Grosjean.

Clamorose le posizioni delle Infiniti-Red Bull di Kvyat e Ricciardo, rispettivamente 14° e 15°.
Ha fatto meglio il giovane promettente Carlos Sainz con la “cugine” Toro Rosso motorizzata Ferrari qualificato 13° mentre due campioni del mondo, Jenson Button e Fernando Alonso con la McLaren-Honda occupano la penultima fila. Purtroppo la squadra di Ron Dennis sta soffrendo per colpa dei problemi di gioventù del motore giapponese.  

Photo credits: Giorgio Aroldi

Motori: 

facebooktwitterScribd

Abbonamento a Scambia informazioni

Semi Kattivi

Costruiamo il network

Hai un blog personale,
gestisci un sito di informazione territoriale?
Contatta la redazione e costruisci con noi
un Network indipendente di informazioni.

Leggi tutto »

Pubblica anche tu su infonodo.org!

Pubblica su Infonodo il tuo articolo.

Scopri come partecipare »