Processo Vivacqua - Le parti civili: Chi studiò l'omicidio pensò poi a depistare gli inquirenti

di Pier Attilio Trivulzio

“Ci troviamo di fronte a un omicidio studiato. Chi ha brutalmente giustiziato Paolo Vivacqua, ha poi pensato a depistare gli inquirenti”, rivolgendosi in modo specifico ai giurati popolari che fanno parte della Corte d'Assise, Franco Gandolfi, avvocato di parte civile per Lavinia Mihalache, compagna del rotamat di Ravanusa, sintetizza così quel che dirà “per la miglior tutela della signora Mihalache e del figlio Nicolas e quella deontologica correttezza formale e sostanziale dell'accusa cercando di armonizzare affinchè voi, in Camera di Consiglio, possiate valutare se esiste una ragionevole alternativa all'ipotesi accusatoria”.

Aggiunge subito: “La requisitoria della pubblica accusa, fatta in quest'aula due mesi fa, vi sarà sembrata sovrabbondante, noiosa e anche inutile. E' stata comunque il resoconto di una indagine a 360 gradi portata avanti in piena libertà; durata tre anni e conclusasi con la richiesta di cinque condanne proposte prima che dal codice penale dalla coscienza del pubblico ministero che ha fatto indagini anche a favore degli imputati”.

“Il primo movente ipotizzato è stato quello dell'interesse economico dal momento che Paolo Vivacqua muoveva tantissimo denaro contante. C'era stata, il 12 settembre 2011 (due mesi prima dell'uccisione – ndr) la conclusione a rogito dei terreni di Carate ceduti a Bricoman Italia; ma Vivacqua vantava moltissimi crediti: 300 mila euro da Zema, 200mila da Monzani ed altrettanti da Figliuzzi, decine di mila euro dall'avvocato Savarino e anche, perchè no? da Carmi Mihalache (fratello di Lavinia - ndr) a cui aveva concesso un prestito di 100mila euro per comperare un escavatore. E poi tanti altri, gente che usava Vivacqua come un bancomat.

Una delle ipotesi investigativa è stata quella che da qualcuno di loro era stato ucciso per non restituire la somma ricevuta. Da cinque mesi e mezzo Vivacqua era intercettato anche quando si trovava sulla sua Bmw, non c'è una sola frase registrata che possa far pensare ad una sua arrabbiatura verso coloro a cui i soldi li aveva prestati e ne aveva richiesto la restituzione. Tenete conto in Camera di Consiglio. Nessuno di loro pensò di spegnere il bancomat.

“E allora, qual'è il movente del delitto? Ce lo forniscono Germania Biondo e Diego Barba. Hanno una relazione sentimentale almeno da prima dell'estate 2010.
Barba è il catalizzatore che accelera il procedimento chimico. L'incontro delle due volontà diventa deflagrante. Il movente della Biondo è l'interesse economico miscelato ad un cocktail: desidera la rivalsa verso il marito con cui da due anni non stava più assieme. Ebbene, Paolo non faceva sapere i suoi interessi a Germania eppure che succede il 14, il 23 e il 27 settembre 2011?
Il 12 Paolo conclude l'affare Bricoman, il 14 l'ex moglie, intercettata, chiama la sorella e le dice: “Ha venduto i terreni, adesso gli posso levare 5 milioni”. Tre giorni dopo parla con l'amico Salvatore Grasta: “Ha fatto gli atti dei terreni e ora ha in tasca 5 milioni. Caino era e Caino rimane. Ora vediamo se posso levargliene almeno la metà”.

Il 27, nel corso di una lunghissima conversazione con uno straniero che la corteggia e tra l'altro le dice d'averla vista “col reggiseno blu”, Germania si lascia andare: “Tu mi fai star bene”. E poi però aggiunge: “Fino a quando c'è lui ci sono solo problemi”. Refren che ripete in altre conversazioni agli atti. La rabbia di Germania? Ce lo dice la Lavinia: con i figli le danneggiano l'auto.

Ricordiamo però la drammatica udienza del 2 gennaio. Depone il figlio minore e non la chiama mamma. La chiama signora. “Perché non è considerata mamma. La persona che ti toglie il padre non è più la tua mamma”, risponde Davide ad una domanda del presidente.

Ricorda il legale che nel marzo 2012 una fonte confidenziale soffia ai carabinieri di Desio che “la Biondo ha assoldato un investigatore, tale Cascardo. Vuole faccia indagini sul marito”. Attilio Cascardo viene sentito il 3 maggio ed in quel momento i carabinieri scoprono che ha un socio: Diego Barba. E quando il pubblico ministero Donata Costa chiama a testimoniare Cascardo apprende dal teste, sicuramente reticente, che l'investigatore “è stato ingaggiato dalla Bondo nel gennaio-febbraio 2011 per capire se il marito le fa le corna”.

L'indagine dura un paio di mesi. Mi chiedo: c'era bisogno d'ingaggiare un investigatore per sapere se Paolo le faceva le corna dal momento che in quel periodo lui aveva già acquistato casa a Carate e stava da tempo con la Mihalache? Il 18 giugno la Mihalache dà alla luce Nicolas. In quest'aula, il 1. dicembre Cascardo dice cose compromettenti: la verità è che l'incarico ricevuto dalla Biondo era di tutt'altra natura. Ci siamo dimenticati del pestaggio di Barba nell'agosto 2010 in Sicilia da parte dei figli Vivacqua? E' clamorosamente falso che la Biondo abbia dato incarico a Cascardo per una indagine sulla infedeltà coniugale del marito. La ragione vera? Incarico inconfessabile. Il teste Vincenzo Battistello (ex impiegato presso la Procura di Monza – ndr) ci dice: “Germania Biondo aveva dato incarico a Cascardo per far nascere una indagine a carico di Paolo Vivacqua e dei figli”. Se ne sarebbe occupata la Guardia di finanza. “Sono le Fiamme gialle a fare le indagini”, dice Cascardo a Battistello, aggiungendo “d'aver parlato con un colonnello di Lodi”. L'indagine avrebbe dovuto portare in carcere Paolo Vivacqua e i figli.

Il colonnello di Lodi e Marco Selmi che subito informa la Procura di Monza e quando viene chiamato a testimoniare non rivela il nome dell'informatore (Attilio Cascardo – ndr)- Riferendosi all'omicidio di Paolo Vivacqua, consultando il suo tablet, precisa “che l'omicidio sarebbe stato commesso da un cittadino rumeno, Carmi Mihalache, fratello di Lavinia. Fa il nome di Elena Pricop, domestica di Vivacqua, che andava dicendo in giro che Nicolas, il figlio della Mihalache, non era figlio di Paolo Vivacqua ma di un infermiere di Desio”.

Informatore credibile il Cascardo perché fornisce particolari che reggono al controllo: il capannone di Piantedo (Sondrio), la cassetta di sicurezza contenente denaro sequestrata, le auto, fermate e sequestrate, con doppio fondo per occultare i soldi.

Uno sviamento, quello relativo al ruolo dei rumeni nell'omicidio, per depistare le indagini. Depistaggio pensato da Diego Barba che usa il socio Attilio Cascardo il quale informa il colonnello Selmi della Guardia di finanza sui conti, sulle società e le disponibilità di Paolo Vivacqua: obiettivo far arrestare Paolo Vivacqua e i figli.

Cascardo viene a sapere con anticipo che all'indomani sarebbero stati arrestati i tre figli di Vivacqua: Antonio, Gaetano e Davide. “Avevamo cercato di suggerire al brigadiere Mosca dei carabinieri che probabilmente ad uccidere Paolo sarebbero stati i fratelli Mihalache”, dice Barba nel corso di una conversazione.

Diego Barba non si muove bene solo con le forze dell'ordine, è a suo agio anche tra i malavitosi e i mafiosi: dopo il pestaggio dell'estate 2010 in Sicilia manda i carabinieri a casa di Paolo Vivacqua e fa pressione con i malavitosi affinchè dicano a Paolo di lasciarlo tranquillo.

Definisce, il legale della Mihalache, inquietante, l'episodio accaduto pochi giorni dopo l'arresto su ordine della Procura di Milano (20 aprile 2012 – ndr) dei figli di Vivacqua, di Calogero Licata Caruso, dei fratelli Enzo e Mario Infantino ed di altri con l'accusa di associazione a delinquere e false fatturazioni.

Il 24 aprile Diego Barba viene sorpreso da moglie e fidanzate dei tre fratelli Vivacqua nello studio dell'avvocato Daria Pesce. E' con l'avvocato Ignazio Valenza (legale di Paolo Vivacqua che ha Attilio Cascardo come autista – ndr) intento a consultare gli atti del processo. C'è anche Germania Biondo. Barba sa che il colonnello Selmi è stato informato (da Cascardo – ndr) e vuole sapere se tra gli atti ci sono riferimenti che riguardano lui o il suo socio Cascardo.
Quell'episodio fa arrabbiare i figli Vivacqua che vengono informati in carcere durante i colloqui. Gaetano, intercettato, “Questa qua (Germania Biondo – ndr) ci vuole far fare la galera”.

Altra conversazione del 25 maggio tra Davide e la fidanzata Lucia. “Barba continua a passare sotto casa, ci segue. Io l'ho visto, con la sua Vespa mi ha tagliato la strada”.
L'avvocato Valenza viene minacciato. C'è la telefonata: “Valenza me lo sarei mangiato vivo...incominciano a volare schiaffoni per te e per Diego. Mio fratello prima ha pestato Diego che poi è andato dai mafiosi”.

Un altro tentativo di depistaggio messo in atto – secondo il legale di parte civile della Mihalache - da Diego Barba riguardante “due personaggi da tempo residenti a Desio” che, scrivono i carabinieri di Campobello di Licata in una nota indirizzata ai colleghi brianzoli “risulterebbero implicati nell'omicidio di Paolo Vivaqua”. Sappiamo i nomi ma non li facciamo. Il pubblico ministero non ha trascurato nulla ed ha fatto mettere sotto controllo i telefoni dei due personaggi. Risultato negativo.

Rivolgo una domanda: “Perchè Diego Barba si è impegnato con il maresciallo Mosca dei carabinieri di Desio poi con il maresciallo Longo dei carabinieri di Campobello e poi, attraverso Cascardo, a suggerire al colonnello della Guardia di finanza piste false, subdolamente artificiose che ora mi sembrano odiose, addirittura vigliacche quando si sa che una persona non c'entra?”.

Definisce la deposizione di Giovanna Licata Caruso, moglie di Barba e sorella del braccio destro di Paolo Vivacqua, “Lillo” Licata Caruso intestatario di tutte le società del rotanat, “penosa, angosciante, faticosa, illogica e per lei imbarazzante. Patetica perché si è messa a piangere. Rispettiamo il suo dolore. ma qui discutiamo di omicidio ed invece i testimoni che devono portare acqua stanno in silenzio”.

Leggendo questo processo dico che gli imputati si annusano, sono in definitiva arbitri della propria sorte.
Per l'avvocato Gandolfi le dichiarazioni dei testi Gino Guttuso e Luigi Miniemi si collocano in perfetta armonia con i dati raccolti dagli investigatori.

Poco dopo l'arresto per l'omicidio di Franca Lojacomo consuocera di Paolo Vivacqua, Antonino Giarrana, intercettato, chiede aiuto al cugino Salvino La Rocca ma lo chiede anche all'investigatore Diego Barba. Conversazione registrata: “Gli avvocati? Loro li devono pagare”, dice Giarrana. “Loro chi?”. “Salvino e...”. “Allora è vero che c'entrano Salvino e l'altro, è inutile che fa l'indiano”. Carmelo fratello di Giarrana: “Papà ha detto che se scende lui non so che succede”. Giarrana: “Loro, Salvino e l'investigatore mi vogliono imputare anche l'altro omicidio”. E ancora: “Io sono qui e loro sono fuori a godersi la vita”. “Io non parlo perchè sono un uomo”.
Per l'avvocato Gandolfi, “Non so se è uomo d'onore Antonino Giarrana; uno è uomo se sa assumersi le sue responsabilità”.

Il legale conclude dopo quattro ore il suo intervento focalizzandosi sul misterioso viaggio-lampo in Germania compiuto da Diego Barba e Salvino La Rocca il 9 novembre 2011 (cinque giorni prima dell'uccisione di Vivacqua – ndr). A detta di Barba per acquistare una Mercedes “classe A” in cambio della sua Renault Scenic. I due si fanno 595 km da Desio a Saarbrucken. Partenza da Desio attorno alle 22, sei ore di viaggio e quindi arrivo a Sarbrucken attorno alle 4 del mattino. C'è qualche concessionaria aperta a quell'ora? All'indomani, 10 novembre, attorno alle 10,30-11 sono alla frontiera tra Francia e Germania. Vengono controllati dai gendarmi. Alle 14 – dice Barba – sono di ritorno a Desio, sempre con la fedele Renault Scenic. Domanda: allora cosa davvero sono andati a fare in Germania?

E sull'ultimo indizio depistante: la testimonianza del detenuto (a Monza) Giuseppe Nappa il quale arriva in aula e racconta che ad uccidere Paolo Vivacqua sarebbero stati Diego Barba e Germania Biondo d'accordo con Lavinia Mihalache e i suoi fratelli.

“Non credo che Nappa si sia inventato tutto – spiega Gandolfi – Non sono cervellotico ma Nappi è venuto qui perché qualcuno gli ha suggerito di dire quelle cose che ci ha raccontato. Barba ha grande capacità intuitiva, è più furbo di tutti, più furbo dei giudici e del pubblico ministero. E' stato un ulteriore tentativo per sviare le indagini. In carcere Barba ha fatto il triplo salto mortale: con le dichiarazioni di Nappi intendeva demolire e screditare Guttuso e Miniemi. Non si e inventato nulla Nappi condannato a 5 anni per estorsione, tre già fatti, sarebbe presto uscito dal carcere. Non è tanto sveglio. E' stato un ulteriore tentativo di depistare le indagini”.

La lunga e articolata arringa dell'avvocato Franco Gandolfi costringe Daria Pesce parte civile dei tre fratelli Vivacqua e Valentina Commaudo figlia di Franca Lojacono (uccisa a Desio nel giugno 2012 – ndr) a sintetizzare il suo intervento. Risponde ai colleghi che ritengono incompatibile il suo ruolo di parte civile. “Difendo i Vivacqua da anni ed ho difeso la Biondo per un anno e mezzo. Non mi ritengo incompatibile dal momento che questo processo riguarda un omicidio”.

Anche lei dà atto al pubblico ministero d'aver esplorato in modo diligentissimo tante piste: il rapporto di Paolo Vivacqua con i Cannarozzo e con Zema che “non ho mai incontrato”, l'ipotesi mafia e l'omicidio legato al settore rifiuti. “La pista della corruzione? Sappiamo che Paolo aveva corrotto funzionari per trasformare terreni agricoli. Al processo di Milano (per le false fatturazioni con la Biondo che ha patteggiato -ndr) sono emersi i conti di Germania Biondo presso banche di San Marino ma non in Svizzera. Sembra che la Biondo voglia sbarazzarsi del marito. Dalle carte del processo sembra che gli imputati siano tutti amici. Salvino La Rocca? È vero, non è mafioso ma il suo comportamento è psicologicamente mafioso. Barba e la Biondo non si parlano al telefono: tengono un comportamento omertoso. La Biondo aveva mille motivi per tenere un comportamento omertoso: sono tutti siciliani. Solo i tre figli di Paolo parlano. Sanno della relazione tra Barba e la madre, le nuore scoprono che la Biondo – che al telefono si lamenta del suo stato di indigenza in cui Paolo l'ha lasciata - ha aperto con Barba una cartoleria. Che succede? Il sospetto delle nuore è che lei abbia qualcosa a che fare con l'omicidio. Si disinteressa dei nipoti. I figli, a cui è stato insegnato soltanto a fare fatture false, non la vogliono vedere in carcere. Quando Barba viene nel mio studio e dice d'essere un collaboratore dell'avvocato Valenza difensore di Paolo i figli revocano a Valenza il mandato e quindi pensano che la Biondo e Barba abbiamo davvero a che fare con l'omicidio. Il movente? Nella loro mentalità siciliana è la ricerca dei soldi: impossessarsi dei 5 milioni che Bricoman ha pagato per i terreni di Carate
La pista non sarà mafiosa ma da tutti gli atti del processo – che è più che indiziario – pare un po' che gli imputati chiedano giustizia alla criminalità organizzata. Le mie conclusioni sono queste: mi associo alle richieste di pena della pubblica accusa”.
Per quanto riguarda le costituzioni di parte civile, l'avvocato Franco Gandolfi ha quantificato in 800mila euro il danno patrimoniale per la sua assistita Lavinia Mihalache e per il figlio Nicolas; mentre l'avvocato Daria Pesce ha presentato richiesta per Antonio, Gaetano e Davide Vivacqua della condanna in solido degli imputati per danno patrimoniale e non di 500mila euro con una provvisionale immediatamente esecutiva di 300mila euro. Per Valentina Commaudo richiesta di 150mila euro, provvisionale di 50mila euro.

Prossima udienza il 5 ottobre. Parleranno gli avvocati Paolo Sevesi e Gianluca Orlando difensori di Diego Barba.

facebooktwitterScribd

Abbonamento a Scambia informazioni

Semi Kattivi

Costruiamo il network

Hai un blog personale,
gestisci un sito di informazione territoriale?
Contatta la redazione e costruisci con noi
un Network indipendente di informazioni.

Leggi tutto »

Pubblica anche tu su infonodo.org!

Pubblica su Infonodo il tuo articolo.

Scopri come partecipare »