cultura

Monza - Parla Francesco Cardin, storico esercente: «Sempre in guerra ma il mio cinema ormai è morto»

di Dario Crippa da il Giorno del 20/04

PER 37 ANNI ha segnato la storia del cinema (e del teatro) monzese. Ha gestito alcune storiche sale cinematografiche, quando Monza era l’undicesima città italiana per numero di spettatori. Al Supercinema Teatro Ponti (oggi Teodolinda), allestiva ring per incontri di boxe che vedevano combattere persino star dello spettacolo come Walter Chiari.

rassegna

Seregno - PD: Maratona di lettura su Resistenza e Costituzione

Si tratterà di uno spazio di pubblica lettura e ascolto, durante il quale ciascuno potrà liberamente prendersi 10 minuti di tempo per condividere ad alta voce una lettura sui temi della Resistenza e della Costituzione della Repubblica Italiana...

comunicati

Seveso - Ritrovati alla Villa del Sole 15 scatti sul disastro della diossina

da il Giorno

DURANTE le operazioni per sistemare la biblioteca «Villa del Sole», gli operatori hanno recuperato 15 fotografie risalenti alla bonifica della zona A. Si tratta di descrizioni che illustrano le varie fasi che hanno portato poi alla realizzazione del Bosco delle Querce, anche se le immagini si concentrano soprattutto sulle analisi del terreno e sulla messa in sicurezza delle strutture tecnologiche della fabbrica Icmesa. Le fotografie andranno ad arricchire l’archivio della memoria sull’incidente del 10 luglio 1976.

rassegna

Monza - Sabato 22 febbraio seminario per una teoria sui Beni Comuni

In una società sempre più dominata dalle logiche del mercato, le dinamiche di un individualismo sfrenato, che sono la loro diretta conseguenza, stanno provocando danni irreparabili e rischiano di riflettersi sulla qualità della vita delle future generazioni.
Chi avverte la necessità di opporsi a tale deriva percepisce il bisogno di difendere i Beni Comuni, ovvero di proteggere quei Beni condivisi dai membri di una Comunità in relazione ai quali l’eccessivo consumo da parte di pochi e, più in generale, la loro cattiva gestione pongono problemi di inadeguato godimento a tutti.

comunicati
rassegna

Desio - Lettera aperta all'assessore Redi sul giorno della memoria e la verità storica delle Foibe

Riceviamo e pubblichiamo.

Gentilissima Dottoressa Redi,

sono un comune cittadino di Desio che ha la necessità di scriverLe in merito ad un iniziativa culturale promossa dal Comune in occasione della giornata del ricordo fissata per l'11 Febbraio 2014 presso la Sala Pertini.
Premetto che da quando si è insediata questa giunta ho notato un'attenzione maggiore per quello che riguarda l'offerta culturale nella città. Per questo ve ne rendo merito. Le iniziative promosse in questi ultimi anni sono state molto interessanti.

Tuttavia non posso astenermi dal porgerVi una critica per l'iniziativa del prossimo 11 Febbraio.
Questa Giunta, in varie occasioni e con grande merito, ha promosso iniziative volte all'incontro, dialogo e reciproca conoscenza con cittadini di altre culture e nazionalità. Ebbene, io ritengo che la giornata del ricordo per i "martiri" delle Foibe, sia un grave torto fatto da noi italiani nei confronti dei nostri vicini sloveni e croati.

rassegna
Abbonamento a Scambia informazioni

Semi Kattivi

Costruiamo il network

Hai un blog personale,
gestisci un sito di informazione territoriale?
Contatta la redazione e costruisci con noi
un Network indipendente di informazioni.

Leggi tutto »

Pubblica anche tu su infonodo.org!

Pubblica su Infonodo il tuo articolo.

Scopri come partecipare »