metropoli

Benvenuti a Seregno

23 / 07 / 2016
di Davide Ripamonti
membro del coordinamento PD Seregno

Martedì 12 luglio 2016 è stata scritta un’altra brutta pagina politica della città di Seregno. Il filo conduttore della narrazione durante il Consiglio Comunale è stato il dare forma e legittimità al concetto di DISCRIMINAZIONE.
È stato approvato il REGOLAMENTO SULLA CITTADINANZA ATTIVA che prevede la possibilità per i cittadini di iscriversi ad un albo comunale per dedicare volontariamente parte del proprio tempo a fini di utilità sociale come previsto dall’art. 118 della Costituzione:

Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni favoriscono l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà.

rassegna

Autodromo: prima condanna per l'ex direttore Enrico Ferrari 4 anni e 4 mesi

13/07/2016
di Pier Attilio Trivulzio

Quattro anni e quattro mesi per Enrico Ferrari direttore dell'Autodromo di Monza dal 1983 al 2013. E' questa la sentenza decisa in Camera di consiglio letta ieri mattina dal pubblico ministero Federica Centonze. Ferrari, che assieme all'ex contabile Franco Becchere aveva scelto il rito abbreviato era accusato d'aver venduto per anni un consistente numero di biglietti del Gran Premio di Formula Uno tenendo per sé il guadagno e d'aver emesso tra il 2007 e il 2011, sempre per giustificare incassi in nero, fatture a società inglesi inesistenti come AD Evolution Ltd, Blast Events Ltd, ARA Service Ltd .

Seregno - Quel gioco d'azzardo che affligge le famiglie ma piace a mafie e usurai

03/07/2016

Riceviamo e pubblichiamo la lettera sul gioco d'azzardo e il problema della ludopatia a Seregno di Luca Lissoni.
In fondo una breve risposta della redazione di infonodo.org

Gentile redazione, c’è una minaccia per la nostra città di cui siamo solo parzialmente consci, che si diffonde a macchia d’olio. Una minaccia educativa, economica, sociale nonché una minaccia alla legalità, che dobbiamo contrastare.
Mi riferisco al gioco d’azzardo, che avanza inesorabilmente a Seregno, anche in contrasto con la normativa regionale vigente. Infatti, la legge regionale prevedrebbe l’impossibilità di aprire nuove sale per il gioco d’azzardo in un raggio a discrezione della giunta comunale, fino ad un massimo di 500 m, da scuole, ospedali, strutture operanti in ambito sociosanitario, luoghi di culto, impianti sportivi e centri di aggregazione giovanile, nonché di trasferire all’interno di tale raggio attività commerciali preesistenti in cui è permesso praticare il gioco d’azzardo.

rassegna

Libera sceglie Seregno per manifestare contro le mafie: "Liberiamo Seregno dalle mafie"

LIBERIAMO SEREGNO DALLE MAFIE

E’ all’insegna di questo impegno che il Coordinamento di Monza-Brianza dell’Associazione “Libera nomi e numeri contro le mafie” ha deciso di commemorare il prossimo 23 Maggio a Seregno il 24° anniversario della strage di Capaci in cui furono assassinati: Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinari. Abbiamo scelto Seregno perché da ormai un decennio in questa città si sono verificato fatti riportati dalla stampa che ci preoccupano, e che prefigurano il significativo rischio di un vero e proprio saccheggio del territorio per mano mafiosa.

Gli attentati degli anni 80, e più recentemente la faida della locale di ‘ndrangheta di Seregno-Giussano, la comparsa ripetuta della città di Seregno negli atti dell’inchiesta “Infinito” del 2010 e dell’operazione “Ulisse” del 2012 dimostrano la persistente presenza mafiosa nel tempo, a cui vanno aggiunti i preoccupanti avvenimenti degli ultimi mesi, che desunti da notizie stampa sono a conoscenza di tutti.

rassegna

Monza - Autodromo, Coldani nel cda di Sias. Ancora sull'appalto a Jarno Zaffelli


di Pier Attilio Trivulzio

Francesco Ferri esce dalla società di gestione dell'Autodromo.
Marco Coldani, 58 anni, direttore generale di un'azienda multinazionale del settore petrolchimico e membro della giunta esecutiva di Confcommercio Milano, entra nel consiglio di Sias.
Coldani, ritenuto vicino alla Lega Nord, ricopre anche la carica di vice presidente dell'Automobile Club di Milano.
Mentre Sias modifica e completa il suo board, sarà la magistratura ad accertare se il bando per il progetto di un nuovo layout della pista, ostinatamente voluto dall'ex presidente Andrea Dell'Orto, è stato costruito su misura per favorire un unico concorrente.
Il bando di gara di cui parliamo è quello indetto da Sias il 7 agosto dello scorso anno “per l'affidamento del servizio di progettazione di pista per auto e moto presso l'Autodromo di Monza”.

Zanchi in Sias per il rilancio dell'Autodromo e per fare chiarezza sul "cottimo fiduciario" di Natale

29/04/2016

di Pier Attilio Trivulzio

Andrea Dell'Orto non è più presidente della società di gestione dell'Autodromo di Monza e anche Francesco Ferri lascerà la poltrona di procuratore appena si riunirà il nuovo consiglio di amministrazione.
Il cda di Sias, nominato in settimana, sarà guidato dal presidente Pier Lorenzo Zanchi, con lui i consiglieri: Paolo Longoni (commissario FIA), Maddalena Valli (AC Udine e AC Milano) , Alfredo Scala (per l'ACI) e, ad interim, Alberto Ansaldi, direttore di AC Milano, fino alla nomina del rappresentante dei Comuni di Monza e Milano.

Zanchi é l'uomo giusto al posto giusto.
Ha le idee chiare e le giuste conoscenze. Gentlemen driver amante dei rally ha un sogno che potrebbe finalmente realizzare: trasformando il Monza Rally Show in un vero Rally della Lombardia con tappe finali all'Autodromo mantenendo inalterata la formula vincente del Master Show.
Di sicuro rivedrà il poverissimo calendario 2016 tornando a dare precedenza alle corse automobilistiche sulle altre attività.

Monza - Incontro Ecclestone-Maroni: Regione Lombardia sarà il main sponsor del GP?

24/04/2016

di Pier Attilio Trivulzio

Bernie Ecclestone ha incontrato, venerdì mattina, il presidente Roberto Maroni.
L’incontro, seconda la nota diffusa da Regione Lombardia, è stato “molto cordiale” e nasce anche dalla crescente irritazione di Ecclestone per non essere ancora riuscito a risolvere la questione del Gran Premio d’Italia, dopo che anche l’ultima deadline per il rinnovo del contratto, che era stata fissata per febbraio, è passata da tempo.
Al vecchio Bernie non sono piaciute nemmeno le parole, ancora attendiste, del presidente di Aci Angelo Sticchi Damiani, che ha dichiarato, ai margini della presentazione della Targa Florio: “La trattativa per il Gran premio di Monza continua, è complessa e molto onerosa. L'ACI dovrà sostanzialmente coprire il forte disavanzo tra le entrate e le uscite del Gran premio, abbiamo una grande responsabilità”.

rassegna

Monza - Processo Vivacqua: le motivazioni della sentenza

18/04/2016

di Pier Attilio Trivulzio

Ventidue udienze per stabilire chi ha ucciso Paolo Vivacqua nel suo ufficio di Desio la mattina del 14 novembre 2011 dal killer che è scritto nella sentenza “era già all'interno dell'ufficio all'arrivo di Paolo, lo ha freddato alle spalle, cogliendolo alla sprovvista sparando dal basso verso l'alto”.

Processo indiziario dal momento che “l''omicidio non ha avuto testimoni diretti, non è stata trovata l'arma del delitto, non sono stati trovati reperti biologici significativi, non è stato possibile accertare il volto o la fisionomia degli autori del fatto attraverso le telecamere collocate nelle vicinanze del luogo del delitto, non vi sono state dichiarazioni confessorie né etero accusatori” - scrivono i giudici, aggiungendo che “la circostanza che la pubblica accusa e le parti civili abbiano fornito moventi differenti non scalfisce il granitico quadro indiziario emerso a seguito dell'istruttoria dibattimentale”.

Monza - Autodromo, show della coppia Dell'Orto-Ferri: come chiudere in perdita e vantarsene pure

12/04/2016

di Pier Attilio Trivulzio

Dopo essere stati sfiduciati dal Consiglio di Sias il presidente Andrea Dell'Orto e il procuratore Francesco Ferri, ieri, hanno convocato una conferenza stampa per comunicare i risultati ottenuti nel 2015, primo anno della nuova gestione dell'Autodromo Nazionale.
Con tono soddisfatto è stato annunciato“un fatturato record con 5,1 milioni di euro di ricavi e valore della produzione a 34,2 milioni di euro” salvo far presente che “il bilancio chiuderà con una perdita di circa 1,6 milioni di euro”.
In pratica l’autodromo chiuderà con pesanti perdite anche nell’anno di Expo, quando cioè milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo si sono riversati su Milano e la Brianza.

Monza - Sias: dopo la sfiducia, Dell'Orto non se ne va e surroga i dimissionari Capelli e Radaelli

Comunicato stampa Sias

Monza, 7 aprile 2016 – Il consiglio di amministrazione di SIAS spa, nel corso della riunione di questa mattina, ha preso atto delle dimissioni dei consiglieri Ivan Capelli e Enrico Radaelli in quota rispettivamente ACI e ACI Milano, e della contestuale richiesta di convocazione dell’assemblea dei soci finalizzata alla revoca del presidente e amministratore delegato. L’assemblea sarà convocata nei prossimi giorni in una data da definire. Fino ad allora l’attuale management e il consiglio di amministrazione rimangono operativi con i medesimi poteri.

rassegna

Monza - Autodromo: sfiduciati Dell'Orto e Ferri, Capelli e Radaelli lasciano Sias

Monza 07/04/2016

di Pier Attilio Trivulzio

Mancanza di fiducia nei confronti del presidente Andrea Dell'Orto e del procuratore Francesco Ferri”. Con questa motivazione pesante come un macigno, che è stata verbalizzata, ieri il vice presidente della società di gestione dell'Autodromo Nazionale di Monza, Ivan Capelli e il consigliere Enrico Radaelli si sono dimessi.
Avendo sfiduciato il presidente Dell’Orto, come era stato più volte chiesto da Bernie Ecclestone, il prossimo passo sarà la revoca del Consiglio e la convocazione dell'assemblea che autorizzi la posticipazione dell'approvazione del bilancio al 30 aprile.

Monza - Autodromo. Dell'Orto e Ferri vogliono 750 mila euro per andarsene

di Pier Attilio Trivulzio

Il 16 marzo dell’ anno scorso Andrea Dell'Orto è stato nominato presidente e amministratore delegato di Sias, il 30 marzo Francesco Ferri è diventato procuratore della società di gestione dell'Autodromo Nazionale.
In un anno Dell'Orto ha ricevuto da Sias 135 mila euro; Ferri 231mila euro nel solo 2015, a cui si devono aggiungere le consulenze pagate alla sua società, la Innext srl.
Lunedì pomeriggio nella sede di corso Venezia dell'Automobile Club di Milano, il Consiglio presieduto da Ivan Capelli, ancora una volta ha concluso la seduta senza prendere decisioni in merito a Dell'Orto e Ferri.
I quell’occasione i due dirigenti Sias hanno fatto arrivare al Consiglio una nota con le loro richieste per lasciare la società.
Dell'Orto chiede 250 mila euro per levare il disturbo, Ferri – che a gennaio aveva preteso un contratto che lo cautelasse contro il licenziamento - chiede invece il doppio, 500mila euro.

rassegna

Monza - Sticchi Damiani (ACI): “Sias non ha i 6,5 milioni da dare a Ecclestone...


...e la Brianza non sembra interessata al Gran Premio

di Pier Attilio Trivulzio

A Il Fatto Quotidiano non ho detto che Monza è fuori dai giochi per il Gran premio d'Italia. Ho detto che ci sono obiettivamente difficoltà non indifferenti ed onestamente siamo ad un punto di criticità. Che Monza sia fuori dalla trattativa non l'ho detto, non posso dirlo e spero che questo non accada”. Angelo Sticchi Damiani presidente dell'ACI che il governo ha autorizzato ad usare risorse per 16,5 milioni di dollari (prelievo dai fondi del PRA – ndr) per mantenere nel calendario del Mondiale di Formula 1 il Gran premio d'Italia fa il punto sulla trattativa con Bernie Ecclestone e accetta di parlare di Sias, la società di gestione dell'Autodromo di Monza .

Monza - Alla viglia dell'approvazione del bilancio, Sias mette in malattia il direttore amministrativo

di Pier Attilio Trivulzio

Da una decina di giorni circola con insistenza in Aci la voce che Andrea Dell'Orto, presidente della società di gestione dell'Autodromo Nazionale di Monza e il suo braccio destro, il procuratore Francesco Ferri, hanno “messo in malattia” il direttore amministrativo e finanziario Francesco Ippolito arrivato in Sias a maggio dello scorso anno con un contratto a termine che sarebbe scaduto dopo l'approvazione del bilancio 2015.
Bilancio che, secondo le previsioni del piano industriale elaborato dalla Innext srl di Francesco Ferri, avrebbe dovuto chiudere con un utile di 80mila euro nel 2015 e di 1,6 milioni euro nel 2016.
La domanda che adesso i dirigenti di ACI si pongono é: “Se hanno messo in malattia il direttore amministrativo, il bilancio di Sias chi lo prepara?”.

rassegna

Monza - Dell'Orto pensa solo alla Superbike, ma intasca 110mila euro per la F1...

...che andrà a Imola

di Pier Attilio Trivulzio

Andrea Dell'Orto ha di fatto seguito il cosiddetto “piano B” del suo programma di gestione di Sias , vale a dire riportare a Monza la Superbike a discapito del Gran Premio d'Italia di Formula Uno. Lo scorso anno, ha comunque intascato il bonus straordinario da 55mila euro “per la negoziazione e la firma del contratto della Formula Uno” e quest'anno ha ottenuto dal Consiglio che gli venissero pagati, oltre ai 25mila euro di compenso previsti per la carica di amministratore delegato, 55mila euro “per l'ottenimento del finanziamento di 6,2milioni di dollari per il Gran premio d'Italia di Formula Uno”.

C'era una volta Villa Crivelli 2

Come preannunciato pubblichiamo l'ultima tranche di foto che documentano l'impatto dei lavori di ristrutturazione all'interno delle sale della storica Villa Crivelli di Inverigo.
Il primo gruppo di immagini pubblicato in un precedente articolo è visionabile qui

 

rassegna

Monza - AC Milano rinvia il cambio ai vertici di Sias. Dell'Orto non molla la poltrona


di Pier Attilio Trivulzio

Nel luglio del 2012, ci mise pochi minuti il Consiglio dell'Automobile Club di Milano, presieduto dall'immobile collezionista di poltrone Carlo Edoardo Valli, a dare il benservito a Paolo Guaitamacchi, reo di voler guardare troppo a fondo nei conti della società di gestione dell'Autodromo di Monza.
Tentenna invece, oggi, Ivan Franco Capelli a sfiduciare l'attuale presidente di Sias, Andrea Dell'Orto e a rispedire alla Innext srl il procuratore Francesco Ferri.

Inverigo - C'era una volta Villa Crivelli

Riceviamo e pubblichiamo il materiale fotografico arrivato in redazione che testimonia l'entità dei lavori, fortemente invasivi,  effettuati all'interno di VIlla Crivelli di Inverigo. La villa ha una lunga e tormentata storia densa di ombre che abbiamo cercato di documentare a più riprese su questo portale con diversi articoli (vedi Inverigo e l'ecomostro di Giorgio Pozzi​ Inverigo - Ecco il degrado di Villa Crivelli​Lele Mora, i furbetti del quartierino e il “sacco di Inverigo”​ ,Agri Trade e Villa Crivelli: fine della storia?​), fino alla protesta degli  operai della ditta che si occupava dei restauri, la Spini & Zoja, poi fallita (Inverigo - Villa Crivelli: operai sulla gru per chiedere il pagamento degli stipendi arretrati​). Nel frattempo la proprietà è passata sotto il controllo di Giorgio Anzani e Luigino Songia (Grafiche Mariano) e i lavori di restauro sono proseguiti. La seconda tranche di immagini in nostro possesso verrà a breve pubblicata in un altro articolo sempre su questo portale.

rassegna

facebooktwitterScribd

Abbonamento a Scambia informazioni

Semi Kattivi

Costruiamo il network

Hai un blog personale,
gestisci un sito di informazione territoriale?
Contatta la redazione e costruisci con noi
un Network indipendente di informazioni.

Leggi tutto »

Pubblica anche tu su infonodo.org!

Pubblica su Infonodo il tuo articolo.

Scopri come partecipare »