politica

Seregno - Noi per Seregno: milioni di euro lasciati inutilizzati nella casse comunali

Milioni di euro pronti per essere investiti in opere pubbliche e invece lasciati inutilizzati nella casse comunali.

Tiziano Mariani di Noi per Seregno, insieme con William Viganò del Partito Democratico, denuncia il mancato sfruttamento da parte dell’Amministrazione Comunale di Seregno dell’occasione offerta dal comma 410 della Legge di Stabilità 2016.

comunicati

Seregno di mezzo

di Leonardo Sabia (Consigliere PD - Seregno)

A Casa Chiaravalle, Milano, i visitatori del 4° Festival dei beni confiscati alle mafie venivano accolti da una citazione della mafia, stampata e scotchata sul muro: “la mafia non esiste”. Giacinto Mariani, vicesindaco di Seregno, in Consiglio Comunale ha invece attestato l'esistenza della mafia in città: tre minuti per riconoscere che “un sentimento negativo si sta radicando nella nostra città”; tre minuti per invertire rotta dopo anni spesi guidando Seregno a nascondere la testa nella sabbia.

Resta il silenzio. Il silenzio della Seregno di mezzo che dopo essersi sdegnata al grido di “la mafia non esiste”, si ritrova senza voce per denunciare e combattere. A Roma è stato scoperchiato un sistema criminale così esteso da potersi porre nel centro della società, intermediario obbligato di ogni attività e per ogni cittadino. Un mondo di male e illegalità attorno a cui sono costrette a ruotare anche comunità e persone perbene. Un mondo di mezzo.

rassegna

Saronno - Comunicato TeLOS: CHI SEMINA VENTO RACCOGLIE TEMPESTA

A te che hai preso in mano questo volantino volevamo dire due cose.
Questa mattina (giovedì 10 dicembre) hanno sgomberato il Telos. 
E chi se ne frega - dirai legittimamente. Ci teniamo però a condividere due pensieri che partono proprio dallo sgombero di questa mattina ma che andranno oltre.

comunicati

Monza - Processo Vivacqua. Condanna per il 50% della "coppia diabolica", assolta l'ex moglie

di Pier Attilio Trivulzio

Quattro anni di indagini, quattordici mesi di dibattimento, sei ore di Camera di Consiglio e quattro soli minuti bastano al presidente Giuseppe Airò per leggere il dispositivo: “Ergastolo per Antonio Giarrana e Antonino Radaelli; 23 anni per Diego Barba e Salvino La Rocca oltre a tre anni di libertà vigilata, sospensione della paternità genitoriale. Assoluzione per Germania Biondo per non aver commesso il fatto, si dispone la sua rimessa in libertà se non detenuta per altri reati”.

Le motivazioni si conosceranno a marzo del prossimo anno quando verranno depositate, e si capirà perché un processo indiziario in cui almeno il movente appariva ben chiaro nella testa della pubblica accusa - cioè di una coppia di amanti che per vendetta, per interesse e per liberarsi di un ostacolo alla loro unione fa eliminare l’ex marito di lei da due killer assoldati tramite un intermediario - approdi a una sentenza dove i destini della “coppia diabolica” (così come era stata definita dagli stessi investigatori) sono opposti: lui condannato come mandante, lei assolta per non aver commesso il fatto.

Monza - Processo Vivacqua. Manca l'ambulanza, la sentenza slitta a mercoledì

di Pier Attilio Trivulzio
La direzione del carcere di Monza si “dimentica” di prenotare l'ambulanza per portare in Tribunale Antonio Radaelli - già condannato con Antonino Giarrana a 30 anni per l'uccisione di Franco Lo Jacono, consuocera di Paolo Vivacqua – e la sentenza per l'uccisione del rotamat di Ravanusa ucciso nel suo ufficio di Desio il 14 novembre di quattro anni fa, slitta al 9 dicembre.

Colpito nel carcere di via Sanquirico da infarto lunedì 23 novembre Antonio Radaelli viene ricoverato all'Ospedale San Gerardo e dai medici dimesso sabato 28 novembre. Martedì 1 dicembre il suo legale, l'avvocato Monica Sala, lo va a trovare in carcere per conoscere esattamente la situazione del suo assistito e soprattutto per capire se può e intende – come da suo diritto – essere in aula per ascoltare la sentenza che riguarda lui, Antonino Giarrana, Germania Biondo, Diego Barba e Salvino La Rocca.

rassegna

'Ndrangheta a Seregno. I nomi degli arrestati e delle persone indagate nell'inchiesta della Procura di Milano

Pubblichiamo l'elenco delle persone, considerate o facenti parte o vicine al clan Cristello, per le quali la Procura di Milano ha richiesto l'arresto, concesso dal GIP per nove di questi. Fra parentesi i nomi dele persone effettivamente arrestate dai carabinieri questa mattina.
Fra questi spiccano i nomi di Domenica, Emanuele e Simone Cristello, di Valeriano Siragusa titolare di un bar in Corso del Popolo, davanti alla Basilica e cugino del boss Rocco Cristello, assassinato nel settembre del 2008 a Verano Brianza, del cugino dello stesso Siragusa, Zibra Matteo titolare di una sala giochi a San Carlo, frazione di Seregno.

Saronno - TelOS: prossimi appuntamenti

Prossimi appuntamenti al Telos:
// ogni mattina alle 6.00 colazioni anti-sgombero (portate da mangiare e da bere)
// oggi, mercoledì 25 novembre CINEFORUM
Alle 21.00 verrà proiettato CHILDREN OF MEN
https://www.facebook.com/events/1010890602267158/

comunicati

Saronno: il TeLOS rioccupa lo stabile di Via Milano

Sabato 21 novembre, rioccupato lo stabile di Via Milano 11 dal gruppo TeLOS.
Ecco il comunicato pubblicato dal collettivo:
"La catastrofe si avvicina. La catastrofe è già qui. La catastrofe è già nell’impossibilità di riuscire ad immaginare un mondo altro.

comunicati

Seregno - Lealtà Azione e Memento, l'uso delle lapidi per legittimare il nazifascismo

18/11/2015

di k.ts.

C’è anche il nome di un marinaio morto prima del 23 settembre 1943, data ufficiale della costituzione della Repubblica di Salò, sulla lapide posta settimana scorsa dal Comitato nazionale ricerche ed onoranze dei caduti della Repubblica sociale italiana Carlo Borsani, nel cimitero di Seregno.

La lapide, posizionata sul monumento dei caduti delle guerre, reca la scritta: 
Caddero vittima della violenza. Nel nome di una patria straziata. I combattenti seregnesi della Repubblica Sociale Italiana”. Di seguito i nomi di diciotto caduti, tra i quali quello di Carlo Dell’Orto, il cui corpo era già in fondo al mare quando Mussolini nel piccolo paese in riva al Lago di Garda diede vita alla tristemente famosa Repubblica Sociale Italiana o Repubblica di Salò. 

Monza - Processo Vivacqua. Radaelli: “Odio Giarrana ma non fino al punto di dire che ha ucciso Vivacqua”

di Pier Attilio Trivulzio

“In questa inchiesta ci sono zone d'ombra com'era piena di ombre la vita di Paolo Vivacqua che frequentava persone che lo volevano vivo quante altre che lo volevano morto”.

Nel processo al rotamat di Ravanusa, Monica Sala assiste Antonino Radaelli, l'ex camionista 54enne che, senza giri di parole, nel corso di dichiarazioni spontanee dice: “Odio Antonio Giarrana che ho conosciuto frequentando il bar di Desio dove tutti gli avventori sono di Ravanusa. Lo odio ma sono certo che con l'uccisione di Vivacqua non c'entra. Che è innocente come me”.

Monza - Omicidio Vivacqua. L'avvocato Cacciuttolo: "Il killer ha atteso nascosto nell'ufficio"

di Pier Attilio Trivulzio

“Il killer attendeva Paolo Vivacqua dentro l'ufficio. Lo attendeva nascosto dentro lo sgabuzzino che fungeva da bagno. Ha sparato 7 colpi, l'ottavo bossolo è stato rinvenuto proprio in quel minuscolo locale. Sette colpi di pistola calibro 7,65 sparati orizzontalmente. Dal basso verso l'alto. Ce lo dice la relazione del dottor Zoia: “I colpi hanno un andamento orizzontale, come fossero frecce”. Paolo era alto 1,65, il killer non era più basso di Paolo. Ha sparato dallo sgabuzzino a cui si accede scendendo tre gradini. Si é trattato di una vera e propria esecuzione”.

“Il killer ha sparato a Vivacqua quand'era seduto o in ginocchio – aggiunge Manuela Cacciuttolo, Perry Mason in gonnella che difende Germania Biondo –. Guardando le foto si vede la polvere sui pantaloni all'altezza delle ginocchia. E' stata un'esecuzione a tutti gli effetti. Paolo Vivacqua era diventato ingestibile e per questo andava eliminato”. Alle 18.28 di quel 14 novembre 2011 la compagna di Paolo, Lavinia Mihalache parlando al telefono con Mariana Rusnac dice: “Lo aspettavano lì dentro”.

Seregno - Lapide Rsi, appello a Prefetto e Procura

Comunicato stampa

Martedì sera la maggioranza del Consiglio Comunale di Seregno ha respinto l'Ordine del Giorno urgente presentato dalla lista civica Noi per Seregno, Movimento 5 Stelle, Partito Democratico, Ripartiamo per Seregno Civica e W Seregno, che avrebbe impegnato Sindaco e Giunta a far rimuovere la contestata lapide apposta presso il Comitero cittadino a memoria dei caduti seregnesi della Repubblica Sociale Italiana in qualità di "vittime della violenza in nome di una Patria straziata".

rassegna

Corteo Antifascista a Saronno

domenica 15 novembre 
CORTEO ANTIFASCISTA A SARONNO
concentramento ore 14.30 in piazza caduti saronnesi

FUORI I FASCISTI DA SARONNO

comunicati

Seregno - Lapide dei repubblichini. Anpi Verano: E' una violenza contro la storia, deve essere rimossa

LA LAPIDE POSTA AL CIMITERO DI SEREGNO CHE RICORDA I MILITARI SEREGNESI APPARTENENTI ALLA REPUBBLICA DI SALO' E' UN ATTO DI VIOLENZA CONTRO LA STORIA, LA VERITA' E LA GIUSTIZIA, 
DEVE ESSERE RIMOSSA.

Al cimitero di Seregno è stata posta una lapide a ricordo delle vittime seregnesi che appartenevano alla Repubblica Sociale Italiana, che sono riconosciute come “vittime della violenza nel nome di una patria straziata”.
Quella lapide è un insulto alla storia italiana, alla memoria collettiva, alla giustizia e alla verità.

rassegna

Centemero, sindaco di Gelsia, entra in Cogeme. Lega Nord: multiutility, consulenze e poltrone

di k.ts.

Alla fine Giulio Centemero, membro del collegio sindacale di Gelsia Ambiente, non ce l’ha fatta a diventare presidente di Cogeme, ma é entrato comunque nel cda della municipalizzata di Rovato come consigliere con deleghe. 
Dopo un braccio di ferro durato tre mesi è stato rinnovato la scorsa settimana il consiglio di amministrazione di Cogeme (vedi Eletto il nuovo Cda di Cogeme), società del gruppo LGH che unisce le municipalizzate di Cremona, Crema, Pavia, Lodi e Rovato.

La candidatura di Giulio Centemero alla presidenza è stata bocciata una prima volta a luglio dalla maggioranza dei comuni bresciani soci di Cogeme, perché vissuta come imposizione dei vertici milanesi della Lega Nord - Centemero fa parte del comitato amministrativo del partito - ed estranea alla realtà territoriale.

facebooktwitterScribd

Abbonamento a Scambia informazioni

Semi Kattivi

Costruiamo il network

Hai un blog personale,
gestisci un sito di informazione territoriale?
Contatta la redazione e costruisci con noi
un Network indipendente di informazioni.

Leggi tutto »

Pubblica anche tu su infonodo.org!

Pubblica su Infonodo il tuo articolo.

Scopri come partecipare »