politica

Seregno - 'Ndrangheta e consenso sociale. Dopo lo striscione è la volta del cittadino "perbene"

di Marco Tagliabue, regista

Egregio direttore, ho letto la lettera non firmata pubblicata martedì su il Giornale di Seregno in difesa della famiglia Tripodi e sono molto preoccupato.

Preoccupato che vengano usate le stesse parole: “perché le colpe dei padri non ricadano sui figli”, si legge nella lettera, utilizzate a luglio in consiglio comunale dal vicesindaco Giacinto Mariani per difendere la famiglia Tripodi e la scelta di organizzare in quel bar il suo spot elettorale.

Preoccupato che nella lettera si parli di una mela marcia, “né tantomeno si può sostenere che se in una famiglia c’è una mela marcia, non si può pensare che le altre mele siano sane”. Giacinto Mariani aveva detto: “per me le famiglie di Seregno sono tutte uguali anche se a casa loro hanno una mela bacata”.

Seregno - La città della bellezza

Riceviamo e pubblichiamo la lettera del consigliere comunale del Pd, Leonardo Sabia, e di altri tre membri della sezione del Pd che tornano sulla questione 'ndrangheta a Seregno, dopo il consiglio comunale di martedì scorso, in cui si è discusso delle infiltrazioni della criminalità organizzata ed è stata costituita la commissione antimafia.

di Jacques Maria Brandt, Luca Lissoni, Chiara Mandaradoni e Leonardo Sabìa

L'onestà è un postulato quasi negativo: un prestito a fondo perduto, una forma di quieto vivere, una fiducia da accordare per convenzione. L'onestà fa guadagnare solo la speranza che il prossimo si comporti onestamente, la soddisfazione etica di aver mantenuto un impegno, la bontà di credere in un mondo in cui le persone si possano fidare. L'onestà è un patto tra uomini che scelgono di credersi per non doversi preoccupare del prossimo e potersi concentrare sulla propria famiglia, sul proprio lavoro, sul proprio benessere. L'onestà è una virtù. L'inerzia ha convinto molti che non lo sia. Tante persone percepiscono l'onestà come un ideale e non come un fondamento, come un punto di arrivo e non come un punto di partenza. Certi onesti ritengono di essere arrivati, di aver raggiunto un obiettivo. Trascinano l'onestà al livello di ideale, abbassando quel livello. Dimenticano che gli ideali sono visioni irrealizzate e opinabili, accantonandoli.

rassegna

Monza - Sticchi Damiani (ACI): “Sias non ha i 6,5 milioni da dare a Ecclestone...


...e la Brianza non sembra interessata al Gran Premio

di Pier Attilio Trivulzio

A Il Fatto Quotidiano non ho detto che Monza è fuori dai giochi per il Gran premio d'Italia. Ho detto che ci sono obiettivamente difficoltà non indifferenti ed onestamente siamo ad un punto di criticità. Che Monza sia fuori dalla trattativa non l'ho detto, non posso dirlo e spero che questo non accada”. Angelo Sticchi Damiani presidente dell'ACI che il governo ha autorizzato ad usare risorse per 16,5 milioni di dollari (prelievo dai fondi del PRA – ndr) per mantenere nel calendario del Mondiale di Formula 1 il Gran premio d'Italia fa il punto sulla trattativa con Bernie Ecclestone e accetta di parlare di Sias, la società di gestione dell'Autodromo di Monza .

Cesano Maderno - 'Ndrangheta. Tra i soci di Marziano della Dilancar c'è anche il vicepresidente del Senato Roberto Calderoli

di k.ts.

Giovedì scorso su richiesta della Prefettura il comune di Cesano Maderno ha emesso un’ordinanza in cui impone la cessazione di ogni attività alla Dilangroup , società specializzata nella vendita di auto nuove e usate via internet.

L’interdittiva della Prefettura, notificata lunedì al rappresentante legale, Giandomenico Marziano, è stata presa “perché sono stati acquisiti sufficienti elementi per ritenere la sussistenza di possibili tentativi di infiltrazione mafiosa”.
Soci della Dilangroup sono con un 50% ciascuno: lo stesso Giandomenico Marziano, nato a Melito Porto Salvo (RC) nel 1978 e Giuseppe Laganà, anche lui nato a Melito Porto Salvo e residente a Seregno.

Comunicato Stampa Andrea Monti: La Ricchiuti chiederà lo scioglimento anche del Consiglio di Cesano?

La Ricchiuti chiederà lo scioglimento anche del Consiglio di Cesano?

Nel giorno in cui la Ricchiuti chiede lo scioglimento del Consiglio di Seregno, anche a Cesano viene chiusa un'attività per sospetta infiltrazione mafiosa. Oserà chiedere lo scioglimento del Consiglio di un sindaco PD?

Tratto da http://www.ilmonti.com/la-ricchiuti-chiedera-lo-scioglimento-anche-del-c...

comunicati

Seregno - 'Ndrangheta. La caciara di Grimoldi e le bugie di Giacinto Mariani

di k.ts.

E’ stato convocato per stasera, martedì 15, il primo consiglio comunale dopo la chiusura di due esercizi commerciali “per pericolo di infiltrazione mafiosa”.
All’ordine del giorno le opposizioni hanno messo proprio la presenza della ‘ndrangheta sul territorio e le misure per contrastarla.

Sulla vicenda, che ha assunto una valenza nazionale, é intervenuto nei giorni scorsi anche il deputato della Lega Nord Paolo Grimoldi che ha dichiarato: "La senatrice PD, Lucrezia Ricchiuti, ha presentato un’interrogazione parlamentare al ministro degli Interni per sapere se il ministro intenda inviare una commissione d’accesso per accertare collegamenti diretti o indiretti con la mafia? Mah, a questo punto potrei presentare un’interrogazione parlamentare anch’io, ma al ministro della Salute per sapere se intenda sottoporre la senatrice Ricchiuti a un trattamento sanitario obbligatorio".

Seregno - Ricchiuti (PD): "Mazza ha taciuto e prende la parola solo per replicare a un legittimo atto parlamentare"


di k.ts.

“Se non fossero preoccupanti sarebbero solo penose le considerazioni del sindaco Mazza”. Lo afferma la senatrice Ricchiuti replicando al primo cittadino di Seregno che l’ha accusata di scarsa onestà intellettuale.

“Il sindaco accusa me e il Partito democratico di Seregno di fraintendere o di modificare la realtà quando lui vive una separazione dai fatti e dai cittadini. Era presente quando l’ex sindaco e suo sodale Giacinto Mariani ha augurato la morte ai giornalisti di infonodo.it e ha taciuto; Mariani vive nello stesso palazzo e frequenta il bar chiuso per ‘ndrangheta e Mazza ha taciuto; Mariani ha più volte affermato che i Tripodi sono una famiglia di Seregno come tutte le altre e Mazza ha taciuto; è stato calato un lenzuolo di solidarietà ai Tripodi (e non alle vittime delle mafie) e Mazza ha taciuto.

Seregno - Bellomo e la polizia giudiziaria nell'ufficio tecnico del comune: "Nessuna visita di cortesia"

di Amara N.

Un magistrato, il capitano dei carabinieri Danilo Vinciguerra, due marescialli in borghese e un consulente tecnico: questo il drappello che, lunedì mattina, si è presentato nel Palazzo del Comune di Seregno. A capo il Sostituto Procuratore monzese Salvatore Bellomo, titolare di numerose inchieste su criminalità organizzata e corruzione, che ha fatto la sua visita in Municipio e ha incontrato il sindaco Edoardo Mazza.

rassegna

Seregno - Comunicato stampa del Consigliere Amati

Due sono i dati che inequivocabilmente si affermano in questa vicenda: il primo è che abbiamo l’ennesima dimostrazione che il nostro territorio è malato. La criminalità organizzata sotto varie forme ha occupato le cronache degli ultimi mesi e settimane attraverso locali chiusi perché luogo di spaccio, persone legate a traffici di ogni genere e, appunto, recentemente, i due locali sigillati in centro città.

comunicati

Cosche dall'Infinito e oltre

Sempre più pressante la presenza della 'ndrangheta in Lombardia che da infiltrazione passa al radicamento. Intanto un bar nella Brianza diventa il simbolo del sostegno alle cosche. Un'inchiesta che tocca da vicino anche la Svizzera, il paese dove abito. Due territori separati da una frontiera, ma cosi vicini.
 
di Mattia Pacella*

Quando ero più giovane mi capitava spesso di andare alla chiesetta di Obino. Da lì si vede tutto il Mendrisiotto, ogni singola strada, ogni lampione da Chiasso a Mendrisio è percettibile. A limitare la vista davanti allo sguardo è solo la collina di Pedrinate che delimita il confine tra Ticino e Lombardia. Ed è proprio al di là dell'orizzonte - per usare parole di leopardiana memoria - che c'è l' "Infinito". Ma non è una semplice metafora, questo infatti è il nome della maxi-operazione contro la 'ndrangheta calabrese e le sue cosche milanesi, nata nel lontano 2003, ma i cui sviluppi sono ancora in corso e si sentono alle nostre latitudini.

rassegna

Seregno e 'ndrangheta: Noi per Seregno e M5Stelle presentano OdG urgente

Noi Per Seregno e M5Stelle presentano un ordine del giorno urgente in Consiglio Comuale di Seregno che esprime  preoccupazione riguardo alle infiltrazioni ndranghetiste in città, per condannare ogni forma di sostegno, legame e copertura del fenomeno mafioso.

comunicati

Seregno - 'Ndrangheta. Revocata la licenza a Tripodi, smarrimento tra i tripodisti


Il centrodestra si chiude nel silenzio stampa, qualcuno sostiene che si tratti di omertà

di k.ts.
 

Il comune di Seregno, su invito della Prefettura di Monza, ha emesso  le ordinanze di revoca delle licenze commerciali di due locali di Seregno, "per pericolo di infiltrazione mafiosa".

Si tratta del bar La Torrefazione di Corso del Popolo, rilevato poco più di un anno fa da Maria Marano, moglie di Giuseppe Pensabene, condannato a 15 anni di reclusione, considerato capo reggente della locale di ‘ndrangheta di Desio (dopo l’arresto di Candeloro Pio) e a capo del sodalizio mafioso smantellato dagli inquirenti con l’operazione Tibet in cui si scoprì l’esistenza di una vera e propria banca della ‘ndrangheta a Seveso.

Il secondo locale è il bar panetteria Tripodi Pane & Caffè di piazza Vittorio Veneto, gestito dalla famiglia Tripodi, tra i cui membri c'é anche Antonino Tripodi, arrestato nell’operazione Infinito e condannato per possesso e detenzione di armi.

Seregno - La città delle cosche

di Marco Tagliabue*

Egr. Direttore
Quel lenzuolo che come fosse un sudario ricopre la vetrina della panetteria Tripodi, con un messaggio di “affetto” che alcuni cittadini hanno scritto con vernice rosso sangue, cristallizza una dolorosa realtà storica: Seregno è nelle mani della 'Ndrangheta e quindi non sono sorpreso dall’ordinanza prefettizia di chiusura dei cosiddetti bar della mafia nel centro di Seregno. Solo un cieco poteva non vedere. Bastava leggere i giornali, informarsi sul blog Infonodo, guardare qualche film.

rassegna

Fuori dai Maroni

Domenica 28 febbraio alle 14:30 in Piazza Duca d’Aosta, di fronte alPirellone, il MoVimento 5 Stelle ha organizzato lo sfiducia-day per mandare#FuoriDaiMaroni il governatore di una Regione infangata e travolta dallo scandalo della corruzione e delle tangenti nella sanità, una Regione che ha il suo ex-assessore alla sanità Mario Mantovani agli arresti domiciliari e il presidente della commissione sanità dietro le sbarre. 

comunicati

'Ndrangheta e Servizio Sanitario in Lombardia e Brianza - Contesto criminale, contesto sociale

Titolo originale Contesto criminale, contesto sociale
di Alessandra Dolci Magistrato della Direzione distrettuale antimafia, Procura di Milano tratto da Narcomafie - Nuovi appetti della criminalità. Mafia e sanità

Il sistema sanitario manifesta una certa permeabilità alle infiltrazioni della criminalità organizzata. Il processo di decentramento avviato nel ‘92 ha portato all’affermarsi di condizioni e prassi diverse per ciascuna Regione. La Lombardia si caratterizza ad esempio per una massiccia presenza di strutture private accanto a quelle pubbliche, con il delicato aspetto dell’accreditamento istituzionale dei privati e i successivi accordi contrattuali con la Regione. Questo ha dato luogo a un abbassamento della soglia di legalità sotto il profilo dell’incentivazione dei sistemi di clientela e corruttela, e delle truffe a danno del sistema sanitario nazionale.

rassegna

Desio - Ignazio Marrone, lo sfasciacarrozze siciliano al servizio della 'ndragheta

di Pier Attilio Trivulzio

“La perquisizione a Ignazio Marrone? Credo che nemmeno per Totò Riina ci sia stato un così importante spiegamento di forze!”, racconta Franco Gandolfi (nella foto), legale dell'imputato. “E' durata quattro giorni. Da Roma è arrivata a Desio una squadra speciale, vi hanno preso parte carabinieri, artificieri, pompieri e un'unità cinofila. Hanno rivoltato il capannone della ditta come un calzino e con un buldozer scavato fino in profondità un campo vicino dove Marrone tiene i cavalli. Forse pensavano di trovare un bazooka o un carro armato. Cos'hanno trovato? Soltanto una scacciacani che hanno lasciato nella disponibilità del mio cliente e alcuni proiettili marca Fiocchi”.

Corruzione e turbativa d’asta nella sanità lombarda. L’urgenza di vere Riforme in materia di appalti, diritto societario e dirigenza delle amministrazioni pubbliche

di Anna Migliaccio Responsabile Enti Locali Partito comunista d’Italia – Lombardia 

E’ di questi giorni l’ultimo grave scandalo che getta discredito sull’amministrazione regionale della Lombardia e il suo governatore leghista Roberto Maroni. Altro che eccellenza! Altro che ramazze padane! 21 misure cautelari e numerosi indagati che scoperchiano un sistema corruttivo complesso e articolato dove, se da un lato i reati contestati nella lunghissima Ordinanza del GIP del Tribunale di Monza (197 pagine di documenti,intercettazioni ambientali, minuziose ricostruzioni di relazioni personali e favori) sono quelli di corruzione e turbata libertà degli incanti di cui all’articolo 353 codice penale, dall’altro una lettura attenta degli atti della magistratura merita una serie di riflessioni politiche. 

rassegna

facebooktwitterScribd

Abbonamento a Scambia informazioni

Semi Kattivi

Costruiamo il network

Hai un blog personale,
gestisci un sito di informazione territoriale?
Contatta la redazione e costruisci con noi
un Network indipendente di informazioni.

Leggi tutto »

Pubblica anche tu su infonodo.org!

Pubblica su Infonodo il tuo articolo.

Scopri come partecipare »